TESTO DI

Michela Iorio

FOTO DI

Ufficio Stampa Carpigiani

Il Gelato dalla tavola dei Re al cono da passeggio



Una storia legata alla tradizione italiana che ha conquistato il mondo

Pochi sanno che il gelato ha iniziato la sua storia come pregiato dessert alle corti dei nobili e dei re per diventare, solo in un secondo momento uno street food amato in tutto il mondo. Facendo una visita al Gelato Museum Carpigiani di Anzola Emilia (gelatomuseum.com) si può scoprire tutto di questa dolcissima storia che lega il Made in Italy ad uno degli alimenti più apprezzati. La fascinazione dell’uomo per il freddo risale addirittura al 12.000 a.C. quando in Mesopotamia, a Palazzo Mari, le staffette percorrevano cento chilometri a piedi per procurarsi neve e ghiaccio che serviva per raffreddare le bevande consumate durante i banchetti reali e le cerimonie religiose. I romani sfoggiavano, negli interminabili convivi, colj nivarum d’oro e d’argento per filtrare la neve. Gli arabi creavano invece lo shrb (lo sciroppo di zucchero) e a Palermo si coltivavano 400 tipi di fiori diversi per realizzare i sorbetti. Durante il Rinascimento nasce quello che oggi è il gelato che tutti conosciamo: la leggenda vuole che siano stati Caterina de’ Medici e Cosimo Ruggieri, celebre alchimista e astrologo, ad averlo creato e diffuso. All’architetto Bernardo Buontalenti viene attribuito il gelato alla crema d’uovo, ma sono i fiorentini Francesco Redi con Lorenzo Magalotti a cantarne le lodi e a descriverne gli ingredienti. Ad un siciliano, Francesco Procopio Cutò detto François Procope des Couteaux, si deve la creazione della prima “gelateria” alla fine del 1600 a Parigi nel suo “Cafè Le Procope” méta prediletta degli intellettuali parigini. Si dice che Diderot e D’Alembert amassero sendersi a quei tavolini per discutere della loro “Encyclopedie” in cui si trova una parte proprio dedicata al gelato o “glace” in francese. 

Dal 1700 all’inizio del 1900 il gelato diventa un vero e proprio protagonista delle tavole dei nobili grazie anche all’utilizzo di elaborati stampi che ne permettevano la... continua a leggere »

 

 


AREA

Archivio »

L'ANGOLO DELLA POESIA

Archivio »

RICETTA

Archivio »

ALTRI ARTICOLI

N°11

Luglio 2017

EDITORIALE

Emilio Bonavita

“Antò fa caldo!!” ripeteva un tormentone pubblicitario di alcuni anni fa.  Il tormentone è finito; il caldo è ritornato in questa estate dei record molti dei quali preoccupanti:...  continua »

 
 
 
 
 
 
ArchivioCONSULTA TUTTO »

 

OmnisMagazine n°10
» Consulta indice