Now Reading
Una ghiacciaia di “soccorso”

N. 74- Gennaio 2023

 

 

Una ghiacciaia di “soccorso”

Festa grande il 24 dicembre scorso a Villa San Martino, agro di Lugo, provincia di Ravenna, per il 150.mo della fondazione dell’omonima Società di Mutuo Soccorso. Che cosa sono le Società di Mutuo Soccorso, termine che sa di antico? Costituite da persone che si associano senza finalità di lucro, e che per statuto si occupano (si occupavano, ormai, nella stragrande maggioranza dei casi) di organizzazione e valori del mutualismo in Italia, conferiscono contributi economici con lo scopo di assistenza e sussidi nei casi di bisogno, opportunamente regolamentati secondo la normativa vigente. Promuovono inoltre la cultura della mutualità, intesa come valore universale connaturato alla vita comunitaria degli uomini, favorendo la coesione sociale e la convivenza pacifica.

Le prime società di mutuo soccorso nacquero in Italia verso la metà del 1800. Oggi ne sono rimaste poche (in genere svolgono solo attività culturali), ancor meno sono quelle tuttora attive dalla fondazione. Fra queste la Società di Mutuo Soccorso di Villa San Martino, nata il 31 ottobre 1872. Nacque con lo scopo “… di migliorare economicamente e moralmente le condizioni della classe artigiana e operaia. Essa soccorreva con sussidi gli ammalati e promuoveva fra i suoi membri sentimenti di ordine, moralità e fratellanza”. Il riconoscimento giuridico da parte del Tribunale, con necessaria modifica dello statuto, avvenne nel 1891, con iscrizione nel registro delle Società nel 1892.

Nello stesso anno, dopo una lunga e accalorata discussione, venne approvata la costruzione di una ghiacciaia, a seguito della constatazione che “… nel villaggio si sviluppano, di tanto in tanto, malattie che traggono origine dall’uso di carni mal custodite, mentre se vi fosse una “conserva”, sarebbe eliminato questo inconveniente e diminuito il numero delle infermità”. Il progetto prevedeva la costruzione di un ovoide verticale composto “calcestruzzo di mattone pestato e calce mora di Imola macinata”, per la raccolta di neve e ghiaccio durante l’inverno. La capacità interna di detta costruzione era di 42,11 metri cubi, per cui poteva contenere 337 quintali di ghiaccio pestato, calcolato a 800kg/metro cubo. Previsto anche un pozzetto di scarico e pulizia sul fondo dell’ovoide e una muratura esterna di protezione, di forma ottagonale. Lo spazio vuoto fra l’ovoide e la muratura ottagonale sarebbe stata riempita di terra, a scopo isolante per il periodo estivo.

I lavori terminarono nei primi mesi del 1893, e la ghiacciaia rimase in funzione fino al 1900. Esaurita la funzione, nel 1904 l’Assemblea generale deliberò di far abbattere l’ovoide interno e di ricavare due locali interni alla struttura ottagonale già dotata di porta e finestre all’atto della costruzione. Ristrutturata e utilizzata per diversi scopi fino ai giorni nostri, l’uso relativamente più recente è stato quello di accogliere temporaneamente l’armeria dei F.lli Toschi, storica famiglia ottocentesca di archibugiari artigiani, conosciuta a livello nazionale, anch’essa originaria di Villa San Martino, che aveva dovuto lasciare la vecchia officina per motivi urbanistici. Ho avuto qui, nella ghiacciaia com’è uso chiamare la costruzione, l’opportunità di incontrare più volte i Toschi, l’ultimo discendente armaiolo attivo, Andrea, e suo padre Carlo, mancato ormai da qualche anno.

Oggi la ghiacciaia viene usata per eventi espositivi e culturali. Entrando e salendo la piccola scala interna di accesso, si ha la sensazione di venire risucchiati e fatti librare in un piccolo cosmo che trasmette la particolare sensazione del fermarsi del tempo e di una piacevole quiete arcana e struggente. Spirito di un passato che ancora vive? Gli antichi registri della Società sono conservati con cura, in ordine. Emozionante voltare le pagine e leggere nomi e date, vergati in inchiostro di calamaio di un secolo e mezzo fa, elencati con la calligrafia regolare degli antichi segretari. Festa grande il 24 dicembre scorso, per il 150.mo anniversario. Soci e amici, fumo, profumi e sapori di grigliate e vin brûlé, davanti alla ghiacciaia, scrigno austero e amico con il tesoro delle sue storie.

Roberto Aguzzoni

Via del Battirame, 6/3a · 40138 Bologna - Italy
Tel +39 051 531800
E-mail: redazione@omnismagazine.com
Aut. Tribunale di Bologna n. 8115 del 09/11/2010

Editore: Mediatica Web - BO

Scroll To Top