Now Reading
La ristorazione a Bologna si rinnova

N. 74- Gennaio 2023

 

 

La ristorazione a Bologna si rinnova

Sotto il segno del Pappagallo avviene di tutto, anche la metamorfosi da ristoratore a venditore di prodotti di qualità della gastronomia bolognese. Da uno che era, il Ristorante “Al Pappagallo”, alla fine di un nemmeno tanto lungo processo, si fa in quattro; ma andiamo con ordine. Come si ricorderà, quello che è stato per tanto tempo (con alti e bassi) il tempio della ristorazione bolognese di fascia alta ha dovuto lasciare la sua sede storica causa la decisione della proprietà di avviare un’ampia ristrutturazione dell’edificio che comprende anche una delle torri storiche minori della città, quella degli Alberici. Dopo un periodo abbastanza breve di assenza ecco le prime due novità. I proprietari del prestigioso nome e logo hanno acquisito la gestione della ristorazione del Golf Club Bologna di Monte San Pietro dando vita “Al Pappagallo sul Green”. La condizione posta per impegnarsi è stata quella che il locale fosse aperto non solo ai soci, ma anche a clienti esterni al Club. E così è avvenuto. Ma in questo caso siamo ancora nell’ambito della ristorazione “tradizionale”.

 Sorprende, invece, ed esce dagli schemi della “ristorazione alta”, la decisione di avviare “La Bottega del Pappagallo” in via Marconi, al civico 22/f, quindi non lontano dal centro storico cittadino, ma in una via di ampio passaggio e che porta dal centro alla stazione (e viceversa). Qui Michele Pettinicchio ed Elisabetta Valenti assumono il ruolo di venditori oltre che di ristoratori poiché in questo luogo sarà possibile acquistare i prodotti tradizionali della ristorazione bolognese (tortellini – compresi quelli d’oro – tagliatelle, lasagne, ecc.). La Bottega è collocata in un luogo a suo modo storico: nel locale, infatti – occupato fino a poco prima da uno dei tanti Poké che proliferano in città – aveva sede, un tempo, la macelleria di Giorgio Guazzaloca, il potente Presidente dell’Associazione commercianti che fu anche il primo sindaco non di sinistra di Bologna. Un locale relativamente piccolo (ma che ha anche un sopra ed un sotto) dove, oltre che acquistare il meglio della produzione culinaria dei primi tipici bolognesi, un gruppo ristretto di persone, non più di quindici, potrà degustarli con l’aggiunta di pane, crescentine, qualche salame e formaggio innaffiati dai vini dei colli bolognesi. Non vi è servizio, ma è possibile l’asporto. La cucina si avvale della consulenza dello chef Federico Gasbarro così come prosegue quella di Marcello Leoni a Monte San Pietro.

Ancora: l’occasione di un incontro con la stampa viene colto dalla coppia Pettinicchio-Valenti per annunciare che è loro intenzione aprire un’osteria nella prima periferia cittadina. La fascia è quella, ad esempio, dove è collocato il quartiere Bolognina, anche se non è stato detto che quella sarà esattamente la zona prescelta. Ed il ristorante tradizionale? Quello che tutti gli affezionati al Pappagallo attendono torni nel centro storico? L’idea – dicono i due imprenditori – non è abbandonata, anzi. Tuttavia, aggiungono: “Ci muoviamo con calma, consideriamo le opportunità. Diciamo sinceramente che come è oggi il centro non ci piace”. Pettinicchio è esplicito e con un occhio al Quadrilatero giunge a dire “E’ diventata una mangiatoria”.

Anche l’inaugurazione della Bottega viene colta come occasione per ribadire l’insoddisfazione per quanto accaduto e che li ha costretti a lasciare la sede della tradizione.

Quindi per il ristorante vero e proprio occorrerà attendere ancora, probabilmente la primavera o poco oltre.        

Giovanni Rossi

Via del Battirame, 6/3a · 40138 Bologna - Italy
Tel +39 051 531800
E-mail: redazione@omnismagazine.com
Aut. Tribunale di Bologna n. 8115 del 09/11/2010

Editore: Mediatica Web - BO

Scroll To Top