Now Reading
Le sorprese della notte dell’arte

N. 69- Agosto 2022

 

 

Le sorprese della notte dell’arte

Una notte bianca per l’arte. Un programma quasi infinito, sicuramente creativo, per Art City White Night – la manifestazione che ieri notte 14 maggio, in occasione di Artefiera 2022, ha invaso Bologna con eventi artistici allestiti in musei, gallerie e luoghi insoliti e particolari.

Il museo Davia Bargellini fa dialogare le collezioni dell’antica arte industriale con gli interventi di Davide D’Elia, con aggiunte site specific agli otto quadri in plexiglas del ciclo FRESCO realizzati nel corso di un precedente intervento operato da D’Elia nel 2018 sugli affreschi del Salone delle Feste del Palazzo Atti-Pensi di Todi (dimora cinquecentesca che si erge al centro della piazza principale della città umbra). A Bologna vengono allestiti in relazione ai dipinti e alle sculture commissionate dal mecenatismo dei Bargellini, tra le famiglie bolognesi che ricoprirono importanti cariche nel Senato cittadino. La mostra (qui sopra un’immagine), arricchita anche di esperienze di realtà virtuale, è curata da Elisa Del Prete e resterà aperta fino al 25 settembre.

Stultifera è una grande opera performativa concepita da Benni Bosetto in occasione di ART CITY Bologna 2022 che ha trovato spazio nel Salone degli Incamminati della Pinacoteca Nazionale di Bologna. Il lavoro riprende il soggetto di La nave dei folli di Sebastian Brant, opera satirica apparsa nel 1494, ribaltandone la critica morale e riflettendo invece sul potenziale del ‘folle’, sulla sua assenza di paura e quindi sulle dinamiche generative insite in tale istintività. L’esposizione si è sviluppata su tre giornate.

Ivan Dimitrov, Giocattoli

La galleria Studio Santo Stefano ha presentato una suggestiva esposizione di Ivan Dimitrov allestita (solo per sabato e domenica) presso la speciale cornice del palazzo “Casa dei Caprara” di Via Castiglione, una dimora storica privata aperta eccezionalmente al pubblico per l’occasione.

L’eclettico artista, conosciuto soprattutto per i bassorilievi che ha dedicato a Bologna, si presenta nella veste insolita di pittore proponendo 30 tele inedite dipinte ad olio raffiguranti antichi giocattoli che regalano la seduzione delle atmosfere dell’infanzia: le opere sono caratterizzate da uno stile figurativo dai colori luminosi e da forme e volumi decisi che richiamano la vocazione scultorea di Dimitrov.

Grazie alla collaborazione con la “Collezione Marzadori – mobili da bambino e giocattoli d’epoca”, il percorso espositivo è arricchito da veri preziosi giocattoli del primo Novecento.

Via del Battirame, 6/3a · 40138 Bologna - Italy
Tel +39 051 531800
E-mail: redazione@omnismagazine.com
Aut. Tribunale di Bologna n. 8115 del 09/11/2010

Editore: Mediatica Web - BO

Scroll To Top