TESTO DI

Serena Revetria

FOTO DI

cooperativa Prima Del Palco

Dietro ogni grande concerto ci sono i rigger



Un innovativo corso di formazione a Modena, per formare questi professionisti dello spettacolo

“To rig” in inglese significa attrezzare, allestire. Li abbiamo visti in azione in occasione di Modena Park, ma non solo, impegnati quasi tutti i giorni nelle attività di montaggio e smontaggio indispensabili per la realizzazione di grandi eventi in Italia e all’estero. 

 

Sono i “rigger” - tecnici delle lavorazioni in quota -, figure professionali riconosciute per la prima volta in Italia grazie alla Regione Emilia-Romagna, che avranno a disposizione un corso di formazione con riconoscimento formale dei requisiti per svolgere questa mansione. Il progetto è della cooperativa modenese Prima del Palco (aderente a Confcooperative Modena) e di Italshow (associazione legge 4-2013), in collaborazione con Irecoop Emilia-Romagna (ente di formazione di Confcooperative). Questi promotori hanno raccolto le esigenze sia delle imprese che dei lavoratori interessati a intraprendere percorsi formativi qualificanti. Il progetto verrà realizzato coinvolgendo altre realtà, tra cui le cooperative modenesi Artisticoop e AF&Co. 

 

“Il possesso di una sicura e certificata professionalità è oggi un requisito fondamentale per l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro dello spettacolo – afferma Enzo Milani, presidente della cooperativa Prima Del Palco -. Così come lo è la possibilità del riconoscimento delle competenze acquisite per coloro che da tempo svolgono questa attività. In particolare, è fondamentale non solo che tutte le persone che lavorano per la realizzazione di eventi live siano messe nelle condizioni di agire in sicurezza (i relativi corsi obbligatori sono già previsti dal decreto 81/2008 e dal decreto “Palchi e Fiere” del luglio 2014), ma che tutti gli addetti abbiano un’adeguata formazione in merito alle altre discipline necessarie per queste figure specializzate”. 

 

Il percorso a qualifica per “rigger”, gestito dalla sede modenese di Irecoop Emilia-Romagna, partirà a dicembre e avrà luogo ad Abate Road 66 a Modena, sempre più punto di riferimento per lo sviluppo del riconoscimento della professionalità presente nel comparto dello spettacolo dal vivo. Il corso avrà una durata di 600 ore, di cui 200 di stage formativo. 

 

Il corso per “rigger” fa parte dei 38 percorsi formativi rivolti a 680 destinatari, finanziati dalla Regione Emilia-Romagna con quasi 3 milioni di euro del Fondo sociale europeo per fornire alte competenze a chi opera o vuole operare nel mondo dello spettacolo, dalla musica alla danza, dal teatro all’opera in sicurezza e legalità. 

 

“Siamo contenti che la Regione abbia compreso e apprezzato la portata innovativa di questo settore legato alle industrie culturali e creative e abbia così pensato di investire partendo dalla formazione – dichiara il presidente di Irecoop Emilia-Romagna Pierlorenzo Rossi -. È un’iniziativa nata dal basso, dalle nostre cooperative di artisti presenti a Modena che hanno riscontrato la carenza di figure professionali adeguatamente formate per svolgere queste funzioni e si sono messe insieme per progettare il corso, con il supporto di Irecoop”.

“Le cooperative culturali sono imprese decise a vincere una grande sfida: quella di essere presenti su un mercato difficile come quello artistico, dove spesso la professionalità non viene riconosciuta in maniera adeguata – aggiunge Chiara Laghi, presidente Confcooperative Cultura Turismo Sport Emilia Romagna -. L’innovativo corso per ‘rigger’ promosso dalle cooperative di Modena va proprio nella direzione di professionalizzare e fornire qualifiche e riconoscimenti a un settore che può crescere e prosperare solo nel rispetto delle competenze e delle regole”.

 

Nel panorama nazionale il sistema emiliano-romagnolo dello spettacolo dal vivo è tra i più articolati e dinamici. La nostra regione, infatti, occupa una posizione di primo piano nei diversi comparti della domanda, offerta, occupazione e attrazione di finanziamenti statali. In Emilia-Romagna sono 377 le sedi attive di spettacolo dal vivo (95 sono teatri storici), di cui 251 con programmazione continuativa. La presenza di numerosi enti, istituzioni e manifestazioni di rilievo internazionale, corsi universitari e formativi, oltre a determinare l'alto livello qualitativo di artisti, tecnici e personale organizzativo, contribuisce a creare un terreno fertile per l’innovazione e la sperimentazione dal punto di vista artistico, organizzativo e finanziario.

 

 

 


AREA

Archivio »

L'ANGOLO DELLA POESIA

Archivio »

RICETTA

Archivio »

ALTRI ARTICOLI

N°34

luglio 2020

EDITORIALE

...  continua »

 
 
 
 
 
 
ArchivioCONSULTA TUTTO »

 

OmnisMagazine n°42
» Consulta indice